Alla scoperta delle cascate più belle del Trentino

Laura Copelli

10 Luglio 2020

Nessun commento

Un giorno d’estate al Grand Hotel Trento

L’estate è ormai alle porte e gli amanti della montagna sanno bene che in questa stagione si può sfuggire facilmente al caldo delle città e della pianura venendo a rifugiarsi tra i boschi e i torrenti del Trentino. Ogni anno il Grand Hotel Trento ospita nelle sue camere e suite esclusive famiglie e gruppi di turisti, provenienti dall’Italia e da tutto il mondo, alla ricerca della quiete, della frescura e delle bellezze naturali del nostro territorio.

 

Anche quest’anno, malgrado le difficoltà legate al periodo appena trascorso, ci stiamo attrezzando per accogliervi al meglio nelle 136 camere del nostro hotel 4 stelle nel centro storico di Trento e vogliamo, con questo articolo, segnalarvi alcuni itinerari legati alle più belle cascate del Trentino, tutte facilmente raggiungibili dal Grand Hotel Trento e perfette per un’escursione rinfrescante nelle calde giornate estive.

Visitare una cascata, infatti, non è semplicemente un’esperienza interessante dal punto di vista naturalistico, ma significa immergersi nel micro clima fresco e umido che queste meraviglie della natura creano intorno a sé e respirare l’aria pura delle nostre valli in luoghi particolarmente piacevoli nelle giornate più calde dell’anno.

In auto e poi a piedi verso le cascate del Trentino

I percorsi che vi proponiamo sono ottimali per escursioni da fare in giornata, partendo dal nostro Grand Hotel Trento dopo una corroborante colazione o un veloce caffè al nostro elegante e confortevole bar “Il Caminetto”, e raggiungendo in poco tempo con l’automobile il punto di partenza per passeggiate di breve o media durata, ma sempre accessibili anche per i meno allenati tra i nostri ospiti.

D’altra parte, se avrete qualsiasi domanda o consiglio da chiedere sulle gite che illustreremo brevemente in questo articolo, potrete rivolgervi direttamente al nostro personale qualificato che vi saprà illustrare le caratteristiche di ogni percorso e fornirvi indicazioni specifiche, anche in base alle vostre esigenze.

Tutte le destinazioni di cui parleremo sono raggiungibili con percorsi in automobile che variano dalla mezz’ora all’ora e mezza a cui si aggiungerà il tempo per la passeggiata necessaria a raggiungere la cascata, a volte limitata a una decina di minuti, a volte più consistente, ma sempre piacevolmente immersa nella natura incontaminata delle nostre valli.

Tre cascate percorrendo la Val di Non e la Val di Sole

Se, partendo dal Grand Hotel Trento, percorrete la Val di Non sulla SS43 fino a Dermulo, di fronte allo spettacolare lago artificiale di Santa Giustina, potrete decidere una prima deviazione verso la Cascata di Tret, proseguendo così per la valle e passando accanto all’interessante Museo Retico di Sanzeno fino ad arrivare al paese di Fondo. Dopo circa un’ora di viaggio complessiva da Trento, vi troverete nel suggestivo borgo di Tret in cui potrete lasciare la vostra vettura e proseguire a piedi verso il bosco, lungo un percorso agevole e adatto per tutta la famiglia, raggiungendo lo spettacolare salto di una cascata immersa nel verde.

Se invece, costeggiando il lago di Santa Giustina, attraverserete Cles e svolterete sulla SS42 della Val di Sole, potrete raggiungere altre due suggestive cascate trentine, per trascorrere qualche ora di refrigerio e quiete. Partendo dall’abitato di Terzolas, infatti, potrete seguire la Val di Rabbi fino al parcheggio del Coler, magari dopo aver fatto una sosta per attraversare l’emozionante ponte tibetano del Ragaiolo a Bagni di Rabbi. A questo punto, dopo aver viaggiato in automobile per poco meno di un’ora e mezza dal nostro hotel, potrete proseguire a piedi nell’incantevole scenario che vi porterà in una ventina di minuti alla Malga Stablasolo, dove potrete rifocillarvi, e poi, con tre quarti d’ora di passeggiata piuttosto agevole, fino alla serie di cascate di Saént, immerse nei boschi di larici secolari. 
 In alternativa, procedendo lungo la SS42 fino a Dimaro potrete imboccare la SS239 per la bellissima Madonna di Campiglio e fermarvi al parcheggio Vallesinella, con un viaggio complessivo di circa un’ora e mezza dal Grand Hotel Trento. A questo punto, incamminandovi lungo l’agevole sentiero immerso nei boschi del Parco dell’Adamello Brenta, raggiungerete le sorgenti del torrente Sarca e alle suggestive cascate in cui si raccolgono le acque del fiume, in un ambiente selvaggio e incontaminato.

Verso la Val di Fiemme o verso il Garda

Cascata del Lupo Segonzano

Due altri luoghi di freschezza e quiete attendono gli escursionisti spostandosi verso la Val di Fiemme. Il primo, ad appena mezz’ora di macchina da Trento, si raggiunge partendo a piedi dalle Piramidi di Terra di Sengozano, che già da sole meriterebbero il viaggio, per inoltrarsi lungo la strada che conduce al Lago delle Piazze attraverso l’Altopiano di Piné. Dopo una passeggiata di qualche decina di minuti in un percorso poco battuto, ma piuttosto agevole, incontrerete il salto di circa 36 m della Cascata del Lupo, che non mancherà di emozionarvi e stupirvi.
 
Anche nella stessa giornata, volendo, tornando da Sengozano sulla SS612 della Val di Fiemme e procedendo verso Cavalese, incontrerete prima il lago artificiale di Stramentizzo e poi, ai piedi del Cermis, seguendo il corso del Torrente Avisio lungo la SP232, troverete l’indicazione per le belle cascate di Cavalese, inserite nel bosco che contiene tra l’altro El pezo del Gazolin, un albero monumentale che interesserà particolarmente gli amanti della natura.

 

Anche in direzione sud, d’altra parte, troviamo due cascate particolarmente interessanti, raggiungibili entrambe con circa un’ora di macchina dal nostro Grande Hotel Trento, per una gita rinfrescante in una calda giornata estiva.

Innanzi tutto, parliamo di un luogo che ha legami con la grande letteratura europea: si dice, infatti, che Thomas Mann, soggiornando a Riva del Garda, abbia avuto l’ispirazione per il proprio celebre romanzo “La montagna incantata” visitando la vicina Cascata del Varone. Si tratta, come potrete ammirare, di un luogo decisamente affascinante, dove l’acqua precipita in una forra di circa 75 m di altezza scavata nei secoli dalle acque del lago di Tenno. Una bellezza che si può ammirare ancora meglio scendendo nelle due grotte attrezzate che la caratterizzano per vivere un momento di assoluta emozione, nel fresco della roccia.

 

Se ci si dirige, invece, da Riva del Garda verso le acque azzurrissime del Lago di Ledro e si prosegue sulla SS240 fino a Tiarno di Sotto, si può lasciare la vettura in un comodo parcheggio e, con una passeggiata di una ventina di minuti raggiungere il Gorg d’Abiss, una particolarissima cascata che sbuca improvvisamente dalla roccia, immersa nella quiete dei boschi attraversati dal Rio Massangla.

Le sette cascate che vi abbiamo illustrato brevemente in questo articolo sono di sicuro delle mete affascinanti soprattutto nelle giornate più calde della stagione estiva, ma siamo certi che soggiornare al Grand Hotel Trento, in ogni stagione, vi darà lo spunto per scoprire queste e molte altre meraviglie naturali del nostro territorio, fatto di montagne spettacolari e boschi di incontaminata bellezza.

PRENOTA ORA